SAM2015: riflessioni sparse

Si é appena conclusa la SAM2015, ovvero la settimana dedicata all’allattamento materno e ho tanti pensieri in merito a questo argomento che mi frullano in testa.

In primis, la cosa che mi sconvolge di più é che l’essere umano debba promuovere una settimana a favore dell’allattamento materno, nutrimento fondamentale di qualsiasi mammifero, istinto primario di qualsiasi mammifero, ma noi uomini, con la nostra intelligenza elevata e il nostro progresso ci siamo distinti dagli animali e abbiamo ovviamente perso l’istinto materno.

Poi rifletto e penso alle mie esperienze di allattamento ed effettivamente, più che una settimana dedicata all’allattamento c’è ne dovrebbero essere 52 ogni anno…

Perché ?

“Presto detto presto fatto!”

Nell’ormai lontano 2007 divenni per la prima volta mamma di uno splendido cucciolo di 2860 gr a termine. Mi avevano spiegato (mia mamma) che non avrei dovuto viziare il bambino, che avrei dovuto tenerlo lontano da me e che avrebbe dovuto disturbarmi il meno possibile e io ci credevo, me lo diceva mia mamma, non la prima persona che passava per strada. Luca venne al mondo e la voglia di tenerlo sempre accanto a me era enorme e anche la voglia di nutrirlo. Che fatica però!

Già, che fatica! Questo piccolo fagotto vuole noi e noi non sempre capiamo, vuole la mamma, il suo latte e le sue coccole e nulla più, ma se già una mamma si sente sola ed inesperta, di sicuro le esperte, quelle del mestiere non vengono in nostro aiuto. Luca era piccolo e faceva fatica a succhiare, si addormentava e cresceva poco. Che dramma!!! Già, che dramma! Io non sapevo cosa fare e le esperte giunsero in mio aiuto:”lo svegli! Dobbiamo fare la doppia pesata!!!” E se non dovesse svegliarsi? Povero piccolo sta dormendo… “Lo prenda a sberle!”

Lo prenda a sberle!?!?!?!?!

Sì, a sberle!! Come potevo prendere a sberle un piccolo fagotto  di poco più di due chili!?!?

Come si fa a dire ad una neomamma di prendere a sberle il proprio bambino?!?!

Questa è la triste realtà! La doppia pesata deve essere fatta, anche se non ha alcuna validità scientifica, e se non si fa la doppia pesata si è brutti e cattivi.

I risultati dell’inizio dell’allattamento erano scoraggianti: Luca cresceva poco, non avevo latte, arrivò così il biberon con il latte di plastica!!

Che demoralizzazione! Non ero in grado di nutrire mio figlio! Che disastro!!!! Che madre monca!

Al rientro dall’ospedale non mi arresi e alla fine tolsi il latte di plastica e diedi il mio al mio Luca.

Divenni una mamma consapevole e informata….

Arrivò, nell’ottobre del 2013, Gaia. Gaia era più grande e forte di Luca, ma capitò la stessa cosa: non cresceva abbastanza per quelli dell’Ospedale!! Ah che disdetta! Ancora la doppia pesata! Noooo!

Ero sconcertata! Erano passati 6 anni e non si erano ancora documentati sull’inutilità della doppia pesata; lo sapevo io, umile mamma, e non loro esperti del settore! Oh no!

Portai Gaia alla prima doppia pesata e il verdetto fu: aggiunta!

Presi il latte di plastica e lo buttai nel lavandino: no, non mi avrebbero fregato, io ne sapevo più di loro! La bimba stava bene!

Il biberon arrivava e io lo svuotavo nel lavandino! Che madre ribelle! Pur non dandole l’aggiunta, magicamente la bimba cresceva!

Una sera poi mi vennero a chiamare per la doppia pesata, Gaia dormiva e decisi di non presentarmi, mi vennero a chiamare di nuovo e mi sgridarono dicendomi che avrei dovuto svegliare, anche a sberle, mia figlia altrimenti sarebbe stata viziata!

Viziata a due giorni di vita?!?!?

Esplosi e litigai con quella del nido! E mi rifiutai di fare la doppia pesata!

Questo sgarbo mi costò una ripicca: mi svegliarono nel cuore della notte per chiedermi se avessi deciso di volere l’aggiunta!

Presi il biberon e lo vuotai nel lavandino!

Gaia ha quasi due anni e fino ad ora ha bevuto solo latte materno….

Finisco il mio racconto con un appello alle mamme:

Non cedete al biberon, non credete a quello che vi dicono, le mamme hanno il latte! 

Non scoraggiatevi mai!

Le mamme sanno molto di più degli esperti!


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...