Una stanza piccola piccola

C’era una volta la camera da letto, la camera quella seria, che doveva avere tutti gli elementi grandi ed essere già da grande.

C’era una volta, l’ho fatta a Luca e ora a distanza di 8 anni, ho capito l’errore enorme che ho fatto quel giorno, quando, invece di non comprare nulla, ho deciso di comprare dei mobili grandi ad un bambino piccino piccino.

Luca ha sempre amato la sua stanza, l’ha sempre sentita sua, ma se forse avesse avuto dei mobili piccini, invece che dei mobili da grande, molto probabilmente l’avrebbe goduta anche di più e si sarebbe sentito della “taglia giusta”.

Ma quello è passato, quella è la vecchia Patty, la mamma che era convinta che tenere in braccio, coccolare, sbaciucchiare fosse un vizio (pratiche sempre fatte, ma con senso di colpa), la vecchia Patty che pensava che allattare a lungo fosse un vizio, la vecchia Patty convinta che i bambini fossero autonomi appena usciti dalla pancia e che il dovere primario di un genitore era rendere fin da subito i piccoli indipendenti e quindi anche a domire soli in stanza loro.

Ora la nuova Patty, anche se è più vecchia, quindi forse anche un po’ più saggia e preparata, sa che tutte le coccole sono solo cose belle (a chi non piace essere coccolato?!?!), sa che allattare a lungo è una manna dal cielo per un bimbo (con Gaia siamo a quota 28 mesi!), sa che i bimbi, per essere autonomi, devono prima sapere di essere amati e di avere delle certezze nella vita, quindi ben venga il co-sleeping!

E…. che c’entra la camera da letto?

C’entra c’entra!

La mia nuova amica Maria (Montessori) mi ha spiegato a chiare parole che i bambini per diventare grandi hanno bisogno di essere piccoli e di riuscire a poter gestire oggetti della loro altezza!

Il letto, quindi, non deve essere ostacolo da scalare, ma un letto a misura di bimbo; il tavolo non una montagna inarrivabile e pure le sedie. I bimbi, per essere autonomi, devono poter essere messi in grado di arrivare alle cose, quindi per la loro autonomia è fondamentale che il mondo sia alla loro altezza.

Dove si può, quindi, è giusto metterli a loro agio e dar loro la possibilità di fare da soli, di essere autonomi, quindi dobbiamo ridurre le dimensioni delle cose per renderli grandi.

Dopo aver letto, studiato, fatta mia una infinitesima parte del pensiero montessoriano (Maria mi deve ancora spiegare tante cose), ho realizzato, quando Gaia era piccola e lavoravo da casa, una stanza a sua misura, con il letto basso basso per dormire mentre io lavoravo, con lo specchio all’altezza giusta, il cestino dei tesori e tutto fatto per farla giocare alla sua altezza.
Eh sì, noi adulti spesso ci dimentichiamo di metterci all’altezza dei bimbi, altezza fisica, che spesso significa farsi piccoli e altezza morale, che significa innalzarci al loro pensiero puro e limpido.

 

Dopo il rientro al lavoro, ho trasformato quella stanza nella sala giochi dei miei bimbi, un luogo per loro, per giocare tra di loro e con gli amici, per avere un mondo tutto loro e a loro misura.

04-03-2015 19-55-32

Esperimento riuscito! La sala giochi è stata apprezzata e stra goduta!

Il tempo della sala giochi però è semi terminato.

Luca vuola la sua pace e non vuole più in stanza Gaia e quindi la stanza, nata come studio dei grandi, subisce l’ennesima trasformazione. Da sala giochi a stanza di Gaia + sala giochi.

La sistemazione è stata fatta un sabato mattina e, gioia della mamma, ha comportato acquisti zero, a parte qualche cornice che deve essere ancora sistemata.

Eccola nel suo splendore, ritratta dal punto di vista del letto di Gaia!

image

 

Maria, grazie per tutti i tuoi preziosi consigli di crescita per i bimbi! Se tutti ti conoscessero il mondo sarebbe più colorato e i piccoli soffrirebbero di meno!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...